Logo arancio 2

 mongolfiera open day

Corso riconosciuto da AssoCounseling 

Leggi programma e info iscrizione

Per informazioni, programma completo e iscrizione inviare una mail a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.  

I Personaggi.

Il racconto coinvolge tre generazioni, come se la vocazione di "impastatore di sogni" si possa in qualche modo trasmettere. Alcuni personaggi appartengono solo alla realtà, altri solo ai sogni e altri a entrambi i   piani. Nell'evolversi degli eventi i personaggi si confrontano con quest'ultima possibilità, quella di varcare le soglie dell'ordinario per entrare nell'universo intero, dove i due piani si nutrono a vicenda, perché intimamente connessi.

· Achille, il marinaio che arriva a Thassos durante la 2° guerra mondiale. E' il protagonista, il trait d'union tra sogno e realtà, ma anche tra luci e ombre. Il suo viaggio, il desiderio intenso che lo anima, il brivido che lo attraversa, appartengono alla nostra voglia di sentirci completi, consistenti, con un senso d'identità globale, interiore, spirituale. Il suo percorso, la simbologia del mare, rappresentano la formazione e la crescita interiore, rappresentano soprattutto la ricerca di senso, di collocazione, il desiderio di ricucire le fratture, di far fronte alle paure e di ritrovare se stessi in una prospettiva più ampia.

· Ioanna, la giovane greca, rappresenta la porta che possiamo attraversare per entrare nel mondo dei sogni. Il sogno come opportunità di amore e di esplorazione. Fino a farne un'apologia. I sogni, quando sono in sintonia con il nostro essere profondo, possono, come       un radar, aiutarci a trovare la sostanza del vivere, a cogliere il valore autentico che percepiamo come essenziale, a entrarne in comunione, a essere radiosi e felici di questo. Ma i sogni non si nutrono di sogni. Dalla realtà nascono e a essa tornano, dando luogo a infinite possibilità creative. In questo senso il sogno è una ricerca di comunione che si ottiene allorquando sentiamo la coerenza interna che ci permette di vivere la coerenza esterna, nel mondo e negli altri.

· Michela, la moglie di Achille, rappresenta il principio di realtà, il lato terreno del sogno. La necessità e la possibilità di affrontare gli eventi dolorosi. Ma anche il divenire, il cambiamento, la circolarità, la dinamicità dei fatti della vita. Vale a dire: nessuna notte è infinità, prima o poi verrà di nuovo il mattino e qualcosa cambierà.

· Giovanni, il figlio di Achille, rappresenta il principio di continuità. Come Giano bifronte porta con sé il passato (Achille) e il futuro (Sara). Accompagna il lettore durante l'intero percorso, con discrezione, non si sostituisce mai a lui. Cerca di raccontare l'amore e la vita come un viaggio su un treno che ci culla dolcemente, ci travolge, ci lascia storditi, a volte con esplosioni di pura felicità altre di dolore che annienta.

· Sara, la figlia di Giovanni, rappresenta il Kairòs, il tempo propizio in cui è possibile ritrovare il senso e il valore di un prima e di un dopo.

· Maria, la compagna di viaggio di Giovanni, rappresenta la vita quotidiana, il significato delle coincidenze che si svela nella ricerca dei nessi. Rappresenta l'incontro improvviso che si rivela dono, a patto di riuscire a cogliere le differenze, cioè a vedere e non solo a guardare.    

Per leggerne qualche riga, clicca qui. Per leggere la trama, clicca qui.    

Per ricevere informazioni o acquistarne una copia, scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leggi qualche riga di "Dove nascono i sogni"

Ora i loro moti sembrano quietati. Il marinaio guarda Ioanna, segue il suo respiro regolare, i suoi occhi battere lenti un tempo interiore, così come il vento soffia calmo fuori della casa, un ritmo che via via riprende fiato e muove la porta e gli scuri, li batte cautamente facendo entrare un'aria nuova, portata dal mare a dire chissà cosa.    

"Dove volano gli angeli libererò il mio canto d'amore per te". La voce di Ioanna lo rapisce completamente. Si chiede da dove provengano quelle parole, non le ha udite nel sogno, sembra che rimbalzino direttamente   dentro di lui, da un recesso non ancora conosciuto, da una zona d'ombra o da un riflesso di luce che gli si posa dritto negli occhi.    

Il volto di Ioanna non è nuovo nella sua memoria. Come l'avesse già incontrato, non sa quando, forse anni o forse millenni fa. Ma dentro di lui esistono delle tracce che lo portano verso quella donna. E' questo il sentimento che lo anima. Un sentimento dai contorni incerti, delicato e misterioso, ancora troppo acerbo per poterlo assaporare. Lo lascia vagare nella sua mente, senza aggredirlo, lo lascia libero di affacciarsi e di ritrarsi, di sfuggirgli, perché sente che non può fare altrimenti,  perché sente che solo così potrà altrettanto liberamente tornare a vivere in lui.

Vieni a conoscere i personaggi, clicca qui. Se vuoi leggere la trama clicca qui.

Per ricevere informazioni o acquistarne una copia scrivi a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

La trama.

Giovanni e Maria s'incontrano in treno. Tra loro scocca una scintilla che gli permette di comunicare al di là delle parole e del tempo. Così lui le racconta una storia. Quella di un marinaio sbarcato su un'isola lontana. L'isola dove vive Ioanna, dagli occhi neri e oltremodo limpidi, dono del mare a chi si nutre di lui. L'amore unisce il marinaio e Ioanna e gli fa vivere giorni di intensa passione, dove realtà e sogno si legano assieme come il mare e la sua isola. Un giorno  però lui sente l'impulso a partire, si strappa da lei e ritorna verso il       suo paese. Il marinaio vive momenti di grande inquietudine interiore. Cambia città e cambia lavoro. Incontra una donna che lo capisce, la sposa e si dedica a lei con la sua capacità di amare l'amore. Ma un sogno ricorrente che lo catapulta nel mistero di un antico tempio, gli riapre la frattura da cui emerge il desiderio di ritornare nella sua isola. Sono passati dieci anni quando il marinaio sbarca di nuovo a Thassos. La spiaggetta, il profumo dei mirti in fiore lo conducono immediatamente alla ricerca di quella donna. Trova la casa dove aveva abitato con lei, ma quella porta rimane chiusa.  L'incanto dell'isola calamita di nuovo i suoi sensi e lui si lascia cullare senza pensare di ripartire. Passano i giorni ed arriva sua moglie. L'isola la rende diversa e il marinaio la ama come non mai. Tornano felici in Italia. La felicità si trasforma in gioia quando lei gli dice di aspettare un figlio, un figlio impastato a Thassos. Il marinaio corre sereno in bicicletta per le strade della sua città. Ama farlo di prima mattina mentre si reca al lavoro, chiude gli occhi felice, allarga le braccia, gli sembra di volare. Attraversa un tratto di campagna e un binario prima che inizino tutte le case. Un treno arriva insieme a lui, lo travolge, lo fa volare e ripiombare privo di vita sul terreno. La moglie rimane sola e disperata, sulla pelle l'odore salato di lui. Cresce il bambino con un particolare amore. E Giovanni cresce con la passione per il mare dentro di lui. Appena può, comincia a viaggiare molto, cerca, cerca e si nutre del sapore del mare. Però si tiene lontano da quell'isola, non si sente pronto per andarci. Un giorno un particolare sogno che lo vede in un antico tempio in cui le persone non mostrano il volto, lo convince a partire. Va alla ricerca dell'isola. La riconosce subito come se fosse stato lì da sempre. Ritrova la casa e bussa a quella porta. Questa volta la porta si apre. Giovanni vive giorni d'incanto. E di notte conosce il volto della ragazza dell'antico tempio, s'intravede uno spiraglio e lui comincia a capire. Giovanni torna in Italia insieme alla sua compagna. Porta con sé qualcosa di speciale. Forse ha in mano solo dei frammenti,  ma sono quelli che possono ricostruire il mosaico. Dentro di sé esplode la vita, la sua compagna è incinta e di lì a poco nasce una bambina che   porta negli occhi il colore di quell'isola misteriosa. In treno Maria è protesa verso Giovanni con gli occhi miracolati dal racconto, quando uno stridore tremendo, un boato massacrante s'impossessano di loro. Lei sopravvive all'incidente, lui è in fin di vita. Lei conosce i sogni di lui ma non sa chi sia. Sente però di avere una missione, ritrovare quella ragazza che porta negli occhi il colore di una terra lontana, ricostruire il mosaico dell'isola dove nascono i sogni.

Clicca qui se vuoi conoscere i personaggi.  Qui, invece, puoi leggerne qualche riga.

Per ricevere informazioni o acquistarne una copia scrivi a:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.       

 

logo arkeRingraziamo tutti coloro che direttamente e indirettamente hanno contribuito alla costruzione di questo sito.

Prima di tutto gli sviluppatori di JoomlaJoomla!® è un software libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL.

 JoomlArt.com  per  'Purity III' e 'T3 Framework'

Camera Slideshow realised by Pixedelic

Fading Content From Category developed by mediahof - Multimedia, Communication and IT

Akeeba Backup di Nicholas K. Dionysopoulos Software Libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL

Vargas per Xmap Software Libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL


logo

Tutte le immagini sono sotto licenza Creative Common o senza alcuna restrizione specificata.

Qualora un autore rilevasse che un' immagine di sua proprietà sia stata utilizzata senza sua autorizzazione, è pregato di segnalarcelo e provvederemo a rimuovere l'immagine dal sito.

Le immagini tratte da Flikcr sono sotto licenza Creative Common così come definita dal sito.

Le immagini dei dipinti tratte dal sito www.settemuse.it sono nel rispetto della licenza indicata nel sito.

Le immagini tratte dal sito www.photl.com sono utiizzate nel rispetto dei diritti di autore indicati dal sito  

// script cookie alert